Hard disk esterno 500 GB

Un hard disk esterno portatile per il proprio computer può sempre tornare utile, soprattutto se lo si trova a un buon prezzo. Per soddisfare questa necessità, i migliori HDD o SSD sono quelli con la memoria da 500 GB, molti dei quali funzionanti in maniera autoalimentata, dotati di USB 3.0 e compatibili con MAC, Linux e Windows.

Visti i costi non troppo elevati e i tanti modelli e marche presenti sul mercato, è molto facile comprare un hard disk esterno di buona qualità a un prezzo contenuto e senza perdere tempo in ricerche esagerate, soprattutto seguendo i passaggi e consigli elencati di seguito.

Ma prima di iniziare, guarda subito le offerte migliori per hard disk esterno 500 GB:

[amazon bestseller=”hard disk esterno 500 GB” template=”horizontal” items=”6″]

Le migliori marche per un hard disk esterno

Toshiba

Toshiba è un colosso giapponese nel settore della tecnologia, che da anni produce memorie esterne di qualità, che si collocano sul mercato con un rapporto qualità-prezzo molto interessante.

Samsung

Nonostante molti conoscano Samsung soprattutto per i suoi cellulari, non tutti sanno che l’azienda coreana è leader soprattutto per la qualità e diffusione delle sue memorie, sia di storage sia temporanee come le ram.

Soprattutto per quanto riguarda gli SSD esterni, che si trovano molto spesso in offerta, Samsung gode di ottima reputazione presso gli utenti. Negli ultimi anni, poi, è aumentato il numero dei videogiocatori che utilizzano abitualmente SSD di questa marca per i loro computer da gaming.

Western Digital

Western Digital, meglio conosciuta come WD, è il primo produttore mondiale di dischi rigidi interni ed esterni. Con una storia lunga ormai 50 anni, è leader nel settore, soprattutto per gli investimenti e le innovazioni che hanno portato nel settore.

Tra queste spiccano l’introduzione di una cache buffer da 8MB e i dischi ad alta velocità (7200 rpm). Ad oggi, WD è la marca più utilizzata da pc preassemblati o portatili e ciò non è certo un caso.

Verbatim

Verbatim è l’ultima ruota del carro per diffusione, ma non per qualità. Azienda relativamente giovane, si è dedicata nel corso della sua storia soprattutto alla creazione di supporti ottici e memorie ram, riservando al settore degli hard disk una buona attenzione costruttiva ma scarse innovazioni.

Ad ogni modo, i suoi dischi rigidi esterni sono al momento quelli con il miglior rapporto qualità-prezzo nella fascia medio-bassa e quindi meritevoli di essere presi in considerazione.

Prezzi: quanto costano gli hard disk esterni

Non c’è una risposta certa, in quanto i prezzi degli hard disk sono estremamente variabili ed è possibile trovare offerte o sconti tali da rendere un hard disk molto conveniente su un sito e poco su un altro. In linea generale, i prezzi di queste memorie su Amazon si aggirano su un range che va dai 30 ai 70 €, con picchi molto alti in caso di storage professionali.

Guarda subito le offerte più convenienti per hard disk esterno 500 GB:

[amazon bestseller=”hard disk esterno 500 GB” template=”table” items=”6″]

Conviene sempre controllare i prezzi online di Euronics, Unieuro e Mediaworld, catene di elettronica che si trovano molto spesso a scontare questi dispositivi, offrendo inoltre una grande quantità di marche fra cui scegliere. Oltre a quelle già elencate, troviamo anche nomi come Lacie, Maxtor, Seagate o Intenso, produttori meno conosciuti di altri, ma che offrono prodotti di un certo livello.

Caratteristiche degli hard disk esterni

Ad oggi gli hard disk esterni presenti sul mercato sono praticamente simili l’uno dìall’altro, in quanto la tecnologia è così evoluta che non può più innovare certi standard. E’ possibile affermare che le caratteristiche più importanti degli hard disk esterni risiedono nel taglio di memoria, nella tipologia di disco e nella portabilità, oltre che in aspetti secondari come l’alimentazione e la connettività al pc.

È facile fare un po’ di confusione sulla differenza fra SSD e HDD. Proviamo a fare un po’ di chiarezza. Innanzitutto, il primo acronimo significa Solid State Drive e si differenzia perché i file vengono immagazzinati su memorie nand – che non sono altro che piccoli chip incollati su un circuito stampato – mentre sugli HDD (Hard Disk Drive) vengono copiati su una pila di dischi in continuo movimento, letti e scritti da una lente ottica ad una velocità variabile derivante dalla rotazione dei dischi stessi.

La differenza fra queste due tecnologie per l’immagazzinamento dei dati risiede soprattutto nella velocità di lettura, che è molto più alta negli SSD. La regola generale in questi casi è la seguente: è una buona idea usare gli HDD per immagazzinare piccoli dati come documenti o multimedia, mentre per tutto il resto gli SSD sono nettamente superiori.

Un altro aspetto a cui prestare attenzione è quello dell’autoalimentazione e della connettività: considera che gli HDD esterni (non gli SSD che, non avendo parti meccaniche in movimento, non hanno bisogno di una fonte di alimentazione doppia), specie i più economici, a volte richiedono un’alimentazione esterna.

Questo può renderli poco funzionali, soprattutto da usare con Mac o pc portatili. È regola fondamentale, quindi, comprare sempre hard disk esterni autoalimentati e con USB 3.0, che garantisce la maggiore velocità di trasferimento dei dati.

Considera che quasi la totalità degli hard disk in commercio è compatibile con tutti i dispositivi elettronici più diffusi. Per questo motivo è difficile trovare un hard disk non riconosciuto su PS4 o sistemi simili.

Ricorda solo che la Playstation 4 è in grado di riconoscere sia HDD che SSD, ma richiede che questi abbiano una connettività USB almeno 3.0, dimensioni totali minime da 256 GB e una formattazione dedicata. Per questo motivo, per usare prima un disco esterno su PS4 è necessario formattarlo cancellando tutti i dati interni.